Vigilia di Ferragosto

E ci risiamo. Un’altra vigilia, un altro ferragosto. Provo a sentirne il sapore, a vederne il colore. E’ il sapore amaro delle lacrime quando non sono di gioia. E’ il colore trasparente che non da spazio ai colori. Sembra che le feste non abbiano più senso, sono in festa quando voglio. In questa estate anomala che il tempo non fa arrivare ho comprato due ombrelli sulla spiaggia della giannina. Due come le scelte da fare, i percorsi da seguire, gli atteggiamenti da adottare. 

Potrei tornare alle cose semplici di una volta, cucire, impastare, leggere, chiaccherare con le amiche…oppure perseguire la strada in “corriera”  che poi corriera non è. E’ stata un corriera a senso unico, portava in una sola direzione, sempre con gli stessi viaggiatori… anno dopo anno. Ho imparato tutto di questi viaggi ma a che serve se non porta in un nuovo posto? Nessuna specializzazione particolare che mi faccia dire cosa so fare, so fare tutto e non so fare niente. A che serve saper fare tutto? a me certamente, e a pochi altri. 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...