Pen’s friend

Perchè ti scrivo? perchè a volte sento forte la necessità di comunicare con te? forse perchè quando le cose rimangono incompiute lasciano appese domande e mancate risposte. Forse perchè nei momenti in cui si è soli si pensa e ripensa cercando di dare un filo logico o sequenziale alle parole, agli eventi. Ma il nostro filo logico per quanto lo si studi non sarà mai il filo logico dell’altro. A giorni sarà un anno, un anno da quel tuo sms che ha cambiato, per un poco, la mia vita. Un sms che mi ha dato la possibilità di credere ai sogni, di credere che una felicità esista. Un sms che si è rivelato una bolla di sapone… per quanto bella… evanescente.

La mia testa gira… ora ha due binari su cui correre… il primo day after…ed il secondo day after… e cerco analogie o segnali che avrei potuto interpretare se avessi avuto la mente lucida e fredda di chi non ama. Nel primo day after avevo ben netta la sensazione di te, i ricordi, i luoghi e tutto il resto. E sono stata male… parecchio. Il secondo day after è stato molto più doloroso ma in  un certo senso un non so che di dejà vu che ha reso il tutto più leggero. La tua immagine è sfuocata, ti cerco nei miei occhi e non ti trovo, proprio come quando ci si sveglia da un sogno. E’ stato un lampo, la stessa potenza e la stessa rapidità.
Sarebbe stato bello, forse l’ho già detto, lasciare seccare questo ramo, senza segarlo ancora in vita. Sarebbe stato bello non avere più niente da dirci e aspettare la fine inesorabile. Oppure sarebbe stato bello vivere e gioire di questa opportunità.
Il pensiero che oggi mi gira per la testa è il tuo disappunto per i miei pensieri tristi e per l’amarezza che traspariva dalle mie parole. Eri dispiaciuto per questo e ti sei perfino arrogato il diritto di volermi fare felice per far sparire la mia amarezza. Ecco è questo Carlo che oggi mi chiedo dove sia, che fine abbia fatto, se non sia stato inghiottito da chissà quale mostro.
E non mi basta liquidare con un “che gran maleducato” la tua mancanza di  interesse per quella che è la mia vita. Così come non mi basta immaginare quella che è la tua.
Ti offro una penna, vorrei essere la tua amica di penna.
R
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...